lunedì 12 gennaio 2015

Corso di ceramica nelle scuole: la ciotola primitiva

A volte mi capita di organizzare dei corsi di ceramica presso le scuole di primo grado, pertanto ho deciso di pubblicare alcuni esempi di oggetti realizzati durante i vari corsi.
Innanzitutto consiglio di usare delle argille refrattarie, nelle scuole fa molto caldo e i bambini non smettono per un attimo di manipolare l'argilla, come risultato l'argilla tende ad asciugarsi troppo in fretta e si fessura velocemente (nel caso di argilla da maiolica o terraglia ), quindi vi consiglio di usare del gres, dell'argilla da pirofila o da raku.




La tecnica che ho utilizzato per realizzare queste ciotole primitive è quella della foggiatura a mano della ciotola pizzicata, (sul mio blog trovate il metodo) questa antichissima tecnica consiste nel far fare una sfera d'argilla che possa essere contenuta nel palmo della mano dell'alunno, poi con il dito pollice posizionato nel centro della sfera  viene praticato un foro cieco, successivamente inserendo all'interno del foro il pollice ed all'esterno il dito indice e medio uniti tra di loro fino a formare una pinza, si schiaccia la parete della ciotola facendola girare all'interno della mano, in questo modo la parete della ciotola si assottiglia a piacere.





Le ciotoline sono state realizzate con argilla da pirofila (quelle in terra rossa) e semirefrattario (quelle in argilla bianca).....





Per il decoro ho utilizzato prevalentemente ingobbi per le classi dalla prima alla terza, più facili da usare, mentre le per le quarte e quinte ho utilizzato i colori da sottocristallina.

Infine gli oggetti decorati con engobbio sono stati cotti nel forno a 980°C e da freddi trattati con cera da pavimenti, mentre gli oggetti decorati con colori da sottocristallina sono stati immersi in un bagno di cristallina apiombica e cotti(due cotture).

Nel prossimo tutorial di ceramica nelle scuole, vedremo come realizzare dei vasi con la tecnica di foggiatura del colombino.

Ciao e buon lavoro a tutti.

Nessun commento:

Posta un commento