lunedì 24 ottobre 2016

Rame rosso

Non so per voi ma per me ottenere un buon effetto "rame rosso" in riduzione con la cottura raku....è sempre una sorpresa e spesso i risultati non sono molto soddisfacenti.
In quest'ultima cottura fatta di recente ho forzato al massimo la riduzione, ho scavato una piccola buca ed interrando il pezzo appena estratto dal forno assieme a crusca e carta, poi ho coperto tutto con della terra....ed ho pazientemente aspettato.

Il pezzo che ora vi mostro  è stato foggiato da Camilla, con argilla semirefrattaria cotta a 1000°C in prima cottura, poi ricoperto dauna miscela di cristallina  raku FA005 con rame carbonato al 6% e cotto nel forno raku ad una temperatura di 880°C.









martedì 18 ottobre 2016

Utilizzo del supporto per cuocere le perle in argilla

Di frequente mi viene chiesto come e dove acquisto il supporto per cuocere in serie, le perle e non solo fatte in argilla.
Il supporto disponibile in due modelli lo acquisto presso l'azienda ceramica vicentina, nelle foto vi mostro come viene utilizzato, è molto semplice basta infilare le vostre perle oppure dei ciondoli, negli apposite astine di acciaio e poi infilare lo "spiedino" all'interno della struttura.
Il supporto e le astine sono in acciaio inox pertanto non si ossidano e non lasciano scorie in cottura!!







Ciao al prossimo post!!

Ivan

lunedì 10 ottobre 2016

Nuovo video per creare gioielli Raku


Finalmente è online il video di creativaMente: col nuovo tutorial potrete creare questa collana, imparando cosa sono schiaccini e coprischiaccini e come si utilizzano col cavetto d'acciaio.




Le perle dell'ultima cottura raku sono venute veramente belle!
Spero vi siano d'ispirazione.....a voi il link:guarda il video



sabato 8 ottobre 2016

Orologi in argilla

In questo post voglio mostrarvi alcuni orologi che sono stati recentemente costruiti utilizzando svariate tecniche di decorazione. L'orologio  è un oggetto facilmente realizzabile, l'unica accortezza  è di far asciugare lentamente la lastra, altrimenti  durante un ritiro "rapido" può succedere che si pieghi o si fletta.
Pertanto consiglio di stendete un panno leggermente umido sulla lastra che formerà il vostro orologio e se possibile metterla in un posto umido, comunque lontano da fonti di calore tipo un termosifone oppure a contatto con i raggi del sole che magari entrano da una finestra!!

Stendete una lastra con il vostro mattarello ed appoggiatela sopra un piatto che fungerà da stampo, ricordate di mettere della carta o della pellicola se usate uno stampo di plastica o di metallo, altrimenti la lastra d'argilla si incollerà al piano e durante l'essicazione si frantumerà, nel caso usiate uno stampo di legno oppure di terracotta non ci sono problemi ( per stampo intendo qualsiasi contenitore che avete in casa)



Stendete perfettamente la lastra fino a far aderire perfettamente la lastra sul piano dello stampo, poi con una lama tagliate l'eccesso di argilla che sborda dai lati

....in questo caso i numeri sono stati fatti con del lattice applicato da una apposita pompetta (va benissimo quella per la cuerda secca, attenzione a lavare la pompetta dopo l'uso)....


...dopo alcuni minuti il lattice si  è asciugato e quindo possiamo applicare, in questo caso, la terra decantata a spruzzo...



....con una pinza in metallo togliamo il lattice, ora abbiamo i nostri numeri!!
In questo caso la lastra di argilla cruda è stata foggiata con una argilla tipo pirofila o argilla da fiamma, la terra decantata dal superbo color aranci è stata prodotta utilizzando la medesima argilla.
Il piatto a subito una prima cottura alla temperatura di 1050°C, come vediamo nella foto sottostante il risultato è un bellissimo e naturale color arancio, poi l'orologio è stato sottoposto alla cottura raku , quindi il fumo a colorato i numeri che non sono stati coperti dalla terra decantata, inoltre ha messo in risalto la cavillatura!!
Le foto successive mostrano alcuni orologi sempre cotti con la tecnica raku. 
















domenica 2 ottobre 2016

Buongiorno Ceramica 3-4-5 giugno 2016

Nel mese di giugno, in 37 città italiane, famose per la loro rinomata tradizione nella lavorazione dell'argilla, è stato organizzato l'evento  " Buongiorno Ceramica alla scoperta di botteghe e laboratori ceramici ".
I laboratori e le botteghe da visitare erano molte, quindi per una questione di tempo ne ho visitato solo alcuni, colgo l'occasione per complimentarmi con la disponibilità e l'accoglienza dei laboratori che ho visitato:





























....botteghe e laboratori di Faenza.