martedì 16 dicembre 2014

Ghirlande natalizie


Queste sono alcune delle ghirlande natalizie realizzate nel mio laboratorio, le decorazioni sono realizzate in argilla da maiolica con ingobbio bianco e smalti acrilici.




martedì 4 novembre 2014

Tutorial di cottura primitiva a cielo aperto con terre estratte in natura

Con questo tutorial vi voglio mostrare come sia abbastanza facile realizzare degli oggetti con la terra naturale e cuocerli con un forno primitivo.
Per prima cosa dovete procurarvi della terra argillosa, ma come si fa  a capire se una terra si può impastare?
Prendete una manciata di terra dal colore intenso, bagnatela ed impastatela tra le mani, poi formate un primitivo colombino e piegatelo su se stesso, se si spezza immediatamnete cambiate terra, altrimenti se si piega (anche con delle evidenti fessure) la terra che avete tra le mani è pronta per essere lavorata.

prendete quanche kg di terra, liberatela da sassi e foglie, e passatela da un setaccio a maglia molto larga , va bene un colapasta.



Mettete la terra setacciata in un contenitore, bagnatela con calma ed incominciate a d impastarla all'interno del contenitore, quando avete formato una palla, passatela su un piano di legno e d impastatela per almenno 20 minuti.


Quando la terra a preso la giusta consistenza potete foggiare gli oggetti con la tecnica del colombino oppure della ciotola pizzicata.



Una volta terminata la foggiatura, fate asciugare i pezzi per almenno tre settimane, fate attenzione che siano ben asciutti prima di programmare la cottura, gli ultimi giorni metteteli al sole diretto!!.

A questo punto dovete realizzare il forno primitivo per la cottura a cielo aperto, basta un prato, una campagna un posto dove poter accendere un fuoco, l'importante  è che il braciere sia contenuto da una fila di sassi, per impedire che il fuoco si propaghi.
Inoltre munitevi di legna e tanta pazienza.


Una volta acceso il fuoco posizioniamo i nostri pezzi vicino al fuoco, evitando assolutamente che le fiamme tocchino i pezzi, diciamo che possiamo mantere una distanza minima di sicurezza di almenno 20 cm.

















Questa fase  è la più lunga, dobbiamo tener presente che gli oggetti si devono riscaldare molto lentamente altrimenti scoppiano a causa dell'acqua ancora presente nell'interno dell'impasto, ad esempio se iniziate a preriscaldare gli oggetti alle ore 9.00 del mattino, potete iniziare la cottura alle ore 14.00, tenedo conto delle dimensioni e dello spessore degli oggetti!!









La cottura che vi mostro  è stata realizzata nelle vicinanze del mio laboratorio a S.margherita (TN) con la partecipazione di Valentina, Camilla e tutta la mia famiglia.....spuntino compreso.






Alle ore 14.00 inizio ad appoggiare i pezzi sule braci, è molto importante posizionare i pezzi con la base rivolta verso l'alto, si diminuisce il rischio di rotture







...poi quando tutti i pezzi sono stati stesi sul letto di braci, li copriamo con della legna, meglio rami o comunque poco pesante, per evitare di fare danni


 ...accendiamo il fuoco e continuiamo ad alimentarlo fintanto che i nostri oggetti arrivino al massimo della temperatura possibile, in poche parole dobbiamo farli diventare rosso acceso!!




A questo punto copro il fuoco con della terra e lasciamo raffreddare gli oggetti per almeno un paio d'ore.

Dopo due ore, con l'aiuto della mia piccola assistente Angela, incomincio delicatamente a togliere la terra per vedere il risultato!!


 Si scorgono i primi pezzi...



 Sembra uno scavo archeologico!!
Le maschere sono state realizzate da Camilla...



....mentre per questo vaso mi sono ispirato alle ceramiche del neolitico ....




...proseguo lo scavo e trovo gli oggetti realizati da Valentina...






 .....i primi oggetti cotti, quelli di color bianco sono campioni realizzati in argilla refrattaria, altri ho usato dell'argilla da pirofila, ma l'argilla naturale non è indubbiamente la più indicata per questo tipo di cotture.


Le sfumature di nero, grigio arancione e rora, si formano solo sui pezzi realizzati con  terra naturale ricca di ossido di ferro (terra comune da orto!!)

Le due corsiste intente ad osservare gli oggetti cotti.




Nel caso vi venga voglia di fare un corso di terre e cottura primitiva potete contattrmi al 3282741348, il prossimo corso partirà a inizio marzo 2015.

nel caso fate delle prove vi sarei grato se mi inviate delle immagini dei vostri risultati.

Buon lavoro...primitivo!!